M A R I A – Il nuovo corto di Afro de Falco

1706377_img_4380

 

 

 

 

 

 

 

 

Sono terminate le riprese del nuovo lavoro del regista Afro de Falco, cineasta napoletano già noto per l’ultimo lungometraggio dal titolo V.I.T.R.I.O.L. (2103), che si intitolerà “MARIA”, un corto che tocca temi delicati come la gravidanza isterica e l’incomunicabilità di coppia, interpretato da un cast di fama nazionale, quali Anna Ferruzzo e Pietro De Silva.

Una delle location campane dove ambienterà “MARIA”, sarà il suggestivo paese di Frasso Telesino in provincia di Benevento: “La scelta di girare gran parte del corto nel comune di Frasso –  dice il regista –  è stata dettata dal suo fascino e dalle atmosfere uniche e perfette per raccontare gli animi dei protagonisti”.

“Abbiamo accolto la proposta del regista con grande entusiasmo sin dall’inizio e abbiamo deciso di supportare il progetto perchè questa rappresenta un ulteriore occasione per Frasso per dar risalto ai suoi bellissimi luoghi e perchè crediamo che l’arte e la cultura siano un forte mezzo di sensibilizzazione ed educazione al bello”, queste le parole del Sindaco Di Cerbo. La sceneggiatura è firmata da Fabrizio Nardi e dallo stesso regista, autori del loro precedente lavoro a quattro mani, La Voce de sangue, piccolo “gioiello” ambientato nella Napoli del ‘700 sul Principe di Sansevero.

 

“Non è stato difficile accettare il ruolo da protagonista in questo lavoro – spiega Anna Ferruzzo –  Il desiderio di maternità è un argomento importante, delicato, che può essere per me una sfida, proprio perché tocca le corde più intime e segrete di ogni donna. La cosa che mi ha colpito leggendo la sceneggiatura è stata proprio la capacità di raccontare con sapienza e leggerezza, la frustrazione di Anna, il suo desiderio di maternità, affidando il racconto alla forza evocativa delle immagini e ai dialoghi asciutti”.

“Toccante  e commovente –  lo definisce Pietro De Silva – Mi piace  l’accostamento fra l’immensità dello spazio e i tormenti di una donna in cerca di maternità.  Anna e Antonio sono così vicini eppure così distanti, due astri di una stessa costellazione che si inseguono sulle loro rispettive orbite, il cui solo punto di incontro avviene in un evento raro che è l’eclisse”.

Il cortometraggio è prodotto dall’ASCI scuola di cinema, ormai una delle realtà formative di maggior rilievo della Campania, in coproduzione con Al-One Srl, che già opera da anni nel circuito produttivo internazionale con grandi successi: “Ho accettato di coprodurre questo lavoro, vivendola come un’occasione per riscoprire le giovani eccellenze della città in cui sono nato” riferisce il producer Alan Vele.

Il lavoro è in collaborazione con i laboratori di meccaniche cinematografiche GMC diretti da Luca Cestari, anche direttore della fotografia di “MARIA”: “Con Francesco oltre ad un rapporto di stima lavorativo, ci lega una forte amicizia, quindi per me è un duplice piacere fotografare nuovamente un suo lavoro. Inoltre, credo che l’alta qualità artistica del corto mi permette di esprimere al meglio il mio potenziale visivo”.